Fires: causes of forest fires


EVERYTHING WE NEED TO KNOW ABOUT FIRE

The causes of forest fires

The fire shows in the forests and woods, and in numerous locations around the world, a recurring presence year after year, with a devastating intensity that continues to rise.

Today there is no natural and vegetal landscape that has not been shaped more or less intensely by fire.

The large and frequent forest fires of recent years, combined with irregular rainfall, can aggravate the risks of desertification.

This danger is present throughout the southern part of the Mediterranean area and is beginning to affect the northern part as well and to seriously worry international organizations, as it threatens the programs of reforestation and the use of forest resources.

Faced with this problem, the countries most affected are organizing the strengthening of the means of struggle and formulating pilot projects to contribute to mutual aid in the event of particularly serious fires.

Unfortunately, the statistic of the causes is much less complete than that of the claims.

For these reasons, the question of the causes cannot be clarified with reliable and documented data and requires a deep and very broad analysis of the possible motivations of the arsonists, in order to know the origin of the phenomenon.

The climate and the seasonal trend play a fundamental role in preparing a favorable situation for the outbreak of the fire, therefore, periods of no rain and high temperatures, determine extremely dangerous conditions. And when in July and August at altitudes up to 700 m a.s.l. herbaceous and dry vegetation, the combustible potential increases considerably; vice versa, in full vegetative growth, the ignition of the fire is difficult.

There is no doubt that the primary cause of forest fires is essentially to be found in the high degree of impoverishment and strong depopulation of the high hill and mountain areas.A similar event has determined over time the abandonment of all those agronomic and silvicultural practices that in the past were carried out in the countryside and in the woods, with the result of making the forest less subject to fire.

The thinning, the cleaning up, the disciplined grazing, any crops and in some cases even the controlled fire, meant that the undergrowth did not provide bait and at the same time, the active presence of the farmer and the shepherd was a guarantee and safety for a quick intervention. even if the fire broke out.

Thus, even when the farmers, unintentionally, could be the cause of the fire, they themselves took steps to extinguish it directly; this was possible thanks to the conspicuous demographic presence in the countryside, which today is strongly diminished and aged.

The situation has now changed, so much so that traditional silvicultural operations are very neglected; agronomic and pastoral practices, in which fire is also used, today assume a constant danger for the woods adjacent to the fields and pastures, since the exodus from these areas, especially the youth, has been massive. But, if this is the primary reason for certain types of fire, the considerations to be made with regard to the forest fire determined by the presence of other potential users are no different.

These cases also concern the use of the territory, so lacking in structures and services capable of ensuring its maintenance, from a physical and economic point of view, according to the use and not the more intense abuse.

An interesting correlation is that of forest fires with vehicular traffic. In fact, it can be seen that with a progressive increase in circulating vehicles and road development, forest fires increase in progression. And from the detection of the ignition points of the fire it is clear that many fires start from the edges of roads and highways.

A study of this type was recently initiated by the Fire Service of the State Forestry Corps, which led to the definition of the range of reasons described below:

MALICIOUS AND VOLUNTARY CAUSES

Conceived and determined by the will of men who at a low price (the cost of a match) obtain personal benefits for which the company will pay very high prices (destruction of a forest) for a very long time (reconstruction of the forest).

Fires the authors hope to profit from

  • destruction of forest masses for the creation of arable land and grazing land at the expense of the forest or to activate set-aside;
  • burning of agricultural residues, such as stubble and bushes, for the cleaning of the ground, in view of sowing to save labor;
  • forest fire to transform the rural land into a building;
  • forest fire to lead to job creation;
  • for cultivation operations in the forest;
  • forest fire to pursue wood supply.

Fires from which the authors do not derive a real profit

  • resentment against actions of expropriation or other initiatives by public authorities;
  • grudges between private individuals;
  • protests against restrictions on hunting;
  • protests against the creation of protected areas and the imposition of environmental restrictions;
  • vandalism.

Fires caused by arsonists

The arsonist is a "person who sets fire to any object to discharge his inner anguish." Without a doubt, pyromania is an infrequent infirmity, whose relationship with rural fires in Italy is very poor.

Fires caused by political reasons

The relationship between forest fires and political motivations does not seem reliable in our country; much less can the phenomenon be traced back to a terrorist and destabilizing design.

Contrary to the last two groups mentioned above, socio-economic motivations seem to better explain the activity of arsonists.

Negligent or involuntary causes

Linked to the imprudence, negligence, carelessness or ignorance of men, which involuntarily cause fires.

NATURAL CAUSES

Linked to the triggering action of volcanic eruptions, lightning, self-combustion.

N.B. The information reported was elaborated from the news published by the State Forestry Corps


Fires, five causes for which Italy is on fire

The worst fire season in Italy in 30 years has ended. The causes can be summarized in five points. They all have to do with the lack of attention to the territory and the common good. But also to an organizational system of poor efficiency.

by Davide Pettenella (Source: lavoce.info)

Almost at the end of the worst season in the last 30 years for fires in Italy, let's see analyze the causes of this phenomenon, trying to make a broader assessment of the state of forest resources. We can group the causes of this phenomenon in five categories, of which the last two related to general problems of the forestry sector which go beyond the specific theme of forest fires.

Weather conditions

The first cause, almost a prerequisite for the development of fires, is the weather conditions: aridity, high temperatures, low humidity, strong wind with the greatest number of extreme events, like seven o'clock heat waves of this summer, all phenomena related to climate changes. The climatic exceptionality will be increasingly the norm, among other things, the climate change scenarios foresee that the Mediterranean region is more exposed to warming phenomena than other regions, with a greater reduction in rainfall in spring and with greater heat waves in summer , with fires therefore potentially faster, more intense and large in size.

Arsonists voluntary and not. And rare arsonists

The second cause is related to the spread of cases of voluntary fires or irresponsible behavior. It is not about the spread of pyromania, a very rare mental illness, but it is about malicious behavior of a multitude of subjects: shepherds in search of richer and "cleaner" pastures, arsonists with vindictive motives, seasonal forest workers in search of future employment opportunities, hunters interested in controlling and concentrating game refuge areas, product collectors wild. But the overriding cause is the culpable behavior linked to carelessness, negligence, inexperience and underestimation of risk. In southern Europe, nearly 70 percent of fires are linked to burns of plant residues and the desire to regenerate and make pastures more productive.

Prevention and shutdown

A little attention to active fire prevention it is the third cause. There is nothing new in the panorama of land management in Italy: less attention is given to prevention than restoration. Prevention can be indirect or direct. For indirect prevention we mean practices such as the choice of the appropriate species, the implementation of thinning and cleaning of the undergrowth, interventions that are also of fundamental importance to increase the resistance and resilience of forest formations. Direct prevention it means construction and maintenance of fireproof strips, reduction of combustible material, cleaning of the side strips of the roads and of those below the communication lines.

In considering the antithesis of fire prevention-extinguishing, the differences in terms of economic investment of the two options: the first mainly concerns i small operators of the rural world, the second involves subjects outside the forestry sector and in particular the business area related to air fleet and ai monitoring systems, sectors strongly linked tomilitary industry.

The abandoned forest

The latter two causes have a wider relevance, which goes far beyond the specific case of fires and affects the organizational methods of the Italian forestry sector, neglected by politics (partly because it represents 0.08 per cent of the national added value), despite the forest areas covering more than a third of the territory and representing what has been defined as the largest green infrastructure in the country. An infrastructure that, despite fires and parasitic attacks, is expanding following the recolonization of abandoned farmland. There lower cost prevention is that related to the revitalization of the sector's economy: a forest that produces value it's a forest that is defended is that hardly burns.

In fact, the whole sector is still conditioned by a culture that is that ofItaly of the late nineteenth century when the country had one strict legislation of binding of the wooded territories and of one specialized police force in the protection of forest resources. In fact, the single, most powerful, forest policy tool is still i different types of constraints (hydrogeological, landscape, naturalistic). In the last 50 years, the forest area has doubled. We need a paradigm shift reference in forestry policy: from "prohibiting to protect and rebuild heritage" to "manage the assets, also enhancing it economically, to reduce costs of its protection ".

A governance problem

And here the fifth and final factor comes into play: the institutional structure of the sector, profoundly modified by the Madia law for public administration reform, and in particular from Legislative Decree 177/2016 which has redefined the institutions operating in the forest sector centrally. As explained in the technical sheet that accompanied the fact-checking on fire extinguishing activities, with Decree 177 the choice was made to militarize the State Forestry Corps (Cfs) by incorporating most of the components into the Carabinieri.

Decree 177 had one specific effect on the organization of defense against forest fires in regions with ordinary statute. Currently the competences are divided between regions, firefighters, civil protection and forest police, according to the breakdown reported in data sheet. With the reform of the competences defined by the Decree they become necessary new agreements between Regions and Firefighters which, however, in many Regions should inherit the competences in having interventions organizational and personnel problems.

The risk of it getting worse and worse

Finally, from a reading of the Decree, it could be assumed that the envisaged Forestry Directorate of the Ministry of Agricultural, Forestry and Food Policies take one address function fire fighting activities. This Directorate is still awaiting a definitive structuring.

With Decree 177 it was thus possible to do two significant errors in one decision: operational responsibilities have been entrusted to an organization (the Fire Brigade) that does not have a logistical structure spread over the rural territory, losing the skills in field coordination accumulated by some decades of fire-fighting activities of the Cfs. At the same time, that process of securing and, more specifically, militarization of the central apparatus of the state in the field of natural resource management has been accentuated precisely at a time when it would be essential to have a public administration that accompanies the management of common goods, which privileges prevention over repression, relations of cooperation and empowerment with stakeholders on security interventions. If this road, let's get ready for many more summers of fire.

Done for future - Receive Mercalli's column and the most important initiatives for the future of the planet every Thursday.


Big forest fires are the future of climate change

Prolonged drought and record temperatures have turned California's forests into matchboxes. And the situation will only get worse

Tim Dickinson

Tim Dickinson's most recent articles

Author's Note: This article was originally published in our September 2015 issue, but we're republishing it because it's more relevant than ever.

In May of this year, something almost unthinkable happened on the American west coast: the forest of the Olympic Peninsula, one of the wettest places on the continent, caught fire. By August, it had become hell. The wind had blown the flames as far as the mountain town of Twisp, Washington, and a "hell storm" - to quote the local sheriff - killed three forest rangers. The fire soon became the worst in the history of the state, burning over 300,000 acres of fresta and destroying dozens of homes.

In their rage, the fires in the states of Oregon and Washington had devoured an area the size of another state, Delaware. Over 1,000 members of the National Guard had been called back into service, and the army had also mobilized 200 men to help them fight the fire. Ten Blackhawk helicopters and four C-130 Hercules aircraft had been used to put out the flames from the sky. Washington Governor Jay Inslee called the fires an "unprecedented cataclysm" and even organized groups of volunteers among the citizens of the state to help fight the flames, while other firefighters arrived from all over the world, even from places as far away as Australia and New Zealand.

This is the present and the future of climate change. The continuing warming of our world is amplifying the effects of drought and making huge forest fires something common. This is what is happening in the Northwest of the United States, affected by what has been termed "wet drought". Despite almost normal rainfall levels, the excessively hot winter temperatures brought rain rather than snow to the mountains of the region. The little snow that fell soon melted, leaving the region dry and ready to burn when the summer heat arrived.

National figures are as clear as they are worrying. "Climate change has lengthened the bushfire season, which now lasts an average of 78 days longer than in 1970," says a Forest Service report released last August. Over the past three decades, the area burned each year has doubled and the agency's scientists predict it "will double again by the middle of the century."

The anthropogenic causes of the drought leading to fires are real, and today they are also measurable. According to a new study by scientists from Columbia and NASA, man-made global warming is increasing evaporation in the atmosphere, draining water from the land and vegetation of the American West. In California alone, drought is now 25% more severe than it would be if there were no effects of climate change. And this impact obviously doesn't take into account borders between states. As told to Rolling Stone the lead author of the study, Columbia scientist Park Williams, "the same effects are also seen in the north-west of the country."

On the front line near the flames last August, Governor Inslee vowed to put out fires in his state. But he also asked the Americans to face a more dangerous enemy than fire itself. "We have to attack this thing at its root: CO2 emissions," he said.

This is the future that awaits us. Worsening drought and record temperatures - last July was the hottest month ever on planet Earth - have turned the forests from Fresno to Fairbanks, on the American west coast, into matchboxes. In Alaska alone, more than 5 million acres have burned, a number higher than the average for the entire United States in the last decade. Months before the fire season ended, more than 8 million acres had burned down in 2015, according to the National Interagency Fire Center - a record. "Some of these fires are in areas that could go on burning until it snows," NIFC spokeswoman Jessica Gardetto said.

A major reduction in CO2 emissions can limit damage in the future, Inslee says. But the harsh reality is that the future already holds great fires for us. According to a new study by the National Oceanic and Atmospheric Administration, the frequency of wildfires in parts of the American West will increase sixfold by the mid-21st century. And the country's resources are already at their limit today: the United States is gravely unprepared for the fires to come, and even less for the worst-case scenario - Hurricane Katrina of fire.

To get an idea of ​​the future, you have to look north - to Alaska and the Arctic, which President Obama, during a visit to Anchorage this summer, called "the frontline of climate change." Rising temperatures and melting permafrost have brought forest fires to a place it hasn't seen for millennia. "Climate change is no longer a distant problem," Obama said. "It's happening here, it's happening now."

The world is warming more in the polar regions, and temperatures in Alaska have risen twice as fast as in the rest of the country over the past 60 years. And the season of forest fires in the state, on average, has lengthened by more than a month (35 days) compared to the 1950s. "We can detect the influence of climate change on fires," says Glenn Juday, a forest ecologist at the University of Alaska-Fairbanks, who identifies three indicators: "the area that burns, the severity of fires and their frequency."

The tragedy of large fires caused by climate change is that the fires themselves worsen global warming by putting megatons of CO2 into the atmosphere. This is especially true north of the Arctic Circle. For the past 5,000 years, the Alaskan tundra has been too cold and too humid for significant fires to occur. This all changed in 2007, when a great fire struck the northern area of ​​the state. The fire burned something like 1000 square km. It not only destroyed pristine landscapes, but also detonated a CO2 bomb, burning organic matter in the soil that had lain dormant for centuries. That single fire released as much CO2 into the atmosphere as the entire tundra ecosystem, ranging from Canada to Russia, had absorbed in the previous 25 years. Scientists had always considered the tundra "the safest CO2 warehouse in the world," says Juday. “It was a thick, frozen layer. We never thought it would catch fire. It was amazing". The worst thing is that the flames in the tundra thin the layer of soil that insulates the permafrost, further destabilizing the "warehouse".

This summer, Alaska caught fire due to a strangely warm winter with very little snow. (Anchorage recorded a record: the least amount of snow ever in 60 years). With the arrival of spring, temperatures rose by over 7 degrees above average. The city of Eagle, 300km from Fairbanks, recorded 32 degrees in May, a temperature that had only been recorded in Houston and Dallas on that date.

Then when lightning struck, Alaska went up in flames. "At some point this summer," Obama said, "there were more than 300 fires burning at the same time." The fires were out of control, and the fire consumed 20,000 sq km - the second worst fire season in history. And as dire as the fires in Alaska were, according to the National Climate Assessment - a 2014 federal report that assessed the risks associated with climate change in the region - things can only get worse. Even if all goes well this year at the Paris conference, even if world governments start taking aggressive measures to reduce emissions, even in this scenario, according to the report, the number of fires in Alaska will double by 2050 and it will triple by 2100.

As global temperatures rise, fires increase hand in hand. But less intuitive is how a dangerous drought and an ever-lengthening fire season have hit the American west coast despite the fact that annual rainfall levels are close to normal. The problem is not the lack of water, but that little of that water falls in the form of snow.

In typical conditions, the melting of the snow on the mountains generates springs during the spring which, as they flow, keep the vegetation wet even during the summer, which can be very hot and dry, and in so doing provide protection against fires. This winter, however, with temperatures 5 degrees above normal and a record decrease in the amount of snow, the flow of springs had already peaked in February. In March, Governor Inslee declared a drought emergency in Washington state. In June, the snows were gone.

"This drought is unlike any we know of," Maia Bellon, director of the Washington State Department of Ecology, said in May. And it prompted the region to burn. Susan Prichard, a fire ecologist at the University of Washington, said the sudden drying up of the springs and therefore of the forests that depend on them created the "ideal conditions" for large fires in eastern Oregon and the state of. Washington. "He turned us into a matchbox."

The warm air dries the forests, literally. The rise in temperatures caused by humans increases the appetite of the atmosphere for the earth's humidity. Williams, the Columbia scientist, jokes that the effect is that of mafia extortion, with the atmosphere demanding more and more water from the earth. In wet years, this is not a problem. But in times of drought it becomes so, causing great damage to the ecosystem. "The ultimate cost of this is now becoming so great that it is visible," says Williams, "in a reduction in the availability of water for humans and the ecosystem."

Joe Casola, deputy director of the Climate Impacts Group at the University of Washington, looks to the future. The combination of warm winter, little snow, early drought, hot summer and fires this year is a classic, and a "good preview", according to him, of what, according to the models we have developed on the effects of climate change , it will soon become normal. “These are the conditions we will probably have to deal with in a few decades from now”.

According to current EPA forecasts, April snows in the Cascadia Mountains will decline by 40% by 2040. "Higher summer temperatures, early spring snow melts and potential reductions in soil moisture during the summer would contribute to increase the risk of fires, ”concludes the agency.

By 2080, according to the National Climate Assessment, the amount of forests it burns annually in the American West will quadruple on average. What does this mean in practice? Instead of being something that happens every 20 years, the great fires that are destroying Oregon and Washington today could happen every two years or even every year.

If fire is inevitable, there is also a little good news. The United States can learn how to fight it better by making simple changes to the way the Forest Service is funded. "We all agree that the way we manage funding to fight fires is not working," Alaskan Senator Lisa Murkowski said in August. “The time has come to change it”.

The speed with which climate change occurs can also be seen with surprising ease in the portion of the budget that the Forest Service has allocated over the years to fight forest fires. In 1995 it was only 16%. This year, for the first time, it exceeds 50%. In 10 years, the agency says, these costs will have increased to cover two thirds of the budget.

The situation has gotten so bad that the Forest Service today uses the money it is supposed to allocate to fire prevention - to clear forests of deadwood and conduct small, controlled fires that help prevent major forest fires from occurring - just to pay for its own. firefighters. The costs of fighting the fires in progress are such as to prevent carrying out projects that would serve to diminish the chances of new ones breaking out.

In its wisdom, Congress has established the Forest Service's budget based on its average expenses over the course of 10 years. It's a formula that worked well when the climate was more stable. But the agency now has to deal with ever larger and more expensive fires. "The six worst fire seasons since the 1960s have all occurred since 2000," the agency said last August.

With the Northwest on fire, Congress is doing something. The reform effort is being carried out by lawmakers from the states involved, including - ironically - Republican MPs who have so far denied the existence of climate change, such as Senator Mike Enzi of Wyoming, or fought against the imposition of emissions controls, such as Congressman Mike Simpson from Idaho.

Simpson’s Wildfire Disaster Funding Act aims to push the cost of fighting major fires off the agency’s budget. Today 30% of the costs are for 1% of fires: with Simpson's plan, fighting major fires would be financed by the federal government’s marine disaster fund, the same that is used in the event of hurricanes, tornadoes, earthquakes.

Oregon Senator Ron Wyden, a Democrat, insists he will push to discuss the matter when Congress meets this month. "My first point on the agenda," he says, "is to put an end to the terrible set of factors that further worsen these fires: poor funding for firefighters, the use of prevention funds to fight the fires caused. the scarce funding, and the final result or the accumulation of risks that even worse fires break out ”.

As the nation is beginning to rethink the way it views forest fires - from something normal, as it was 50 years ago, to extraordinarily destructive events aggravated by climate change - it is crucial not to lose sight of the worst possible scenario: that of a great city besieged by fire.

The United States has already had a taste of what such a catastrophe would be like: in 1991 a bushfire hit the hills and canyons above Oakland, firefighters failed to tame it, 25 people died, 150 were injured and there were property damage of $ 1.5 billion. In 2003, a forest fire caused by high winds in California burned over 1,100 sq km, making it the worst bushfire in the history of the state: it hit the outskirts of San Diego, burning 2,000 homes. A major fire also hit the area in 2007, forcing residents to take refuge in Qualcomm Stadium, where the local football team plays.

On a small positive note, the record-breaking season of wildfires that hit the US Northwest this year had limited human and economic costs. The affected region is sparsely populated and separated from Seattle and Portland by large mountains. Ma gli effetti secondari del fuoco su queste città non devono essere sottovalutati: alla fine di agosto, il cambiamento del vento ha portato i fumi di diversi incendi a Portland, oscurando temporaneamente il cielo. La concentrazione di polveri sottili nell’aria cittadina ha raggiunto livelli pericolosi per la salute, livelli che di solito si registrano solo a Pechino.

Ma, a livello generale, gli Stati Uniti sono stati fortunati che i grnadi incendi non abbiano colpito le colline della Silicon Valley o attraversato il Colorado fino alla periferia di Denver. Il nord della California, a dirla tutta, a luglio ha evitato per poco un disastro quando un incendio causato da un bollitore difettoso ha minacciato la città di Clear Lake, a nord della famosa Napa Valley, devastando 280 kmq, superando un’autostrada e portando all’evacuazione di 13mila residenti. Ken Pimlott, direttore dell’autorità dei pompieri della California, ha detto che lo Stato deve affrontare “condizioni e comportamenti senza precedenti” degli incendi boschivi e che il peggio della stagione “deve ancora venire” nel sud della California. “Non abbiamo schivato un disastro, non possiamo ancora dirlo”.

Il governatore della California Jerry Brown di recente se l’è presa con i candidati repubblicani alla presidenza che si rifiutano di riconoscere l’esistenza del cambiamento climatico. “Una stagione degli incendi più lunga, condizioni meteo estreme e siccità prolungata non sono solo all’orizzonte”, ha scritto in una lettera aperta, “sono già qui. E sono qui per restare”.

Che sia provocato da un fulmine o da un piromane, la prossima volta il fuoco potrebbe minacciare San Jose, San Diego o Los Angeles – tutte città fondamentali per l’economia nazionale. Nel suo scenario peggiore, gli incendi boschivi causati dal riscaldamento globale sono una minaccia esistenziale. “Il clima è instabile”, ha detto Brown alla stampa ad agosto. “Se la siccità continuasse per un anno o per diversi anni, tutta la California potrebbe bruciare”.

Questo articolo è apparso originariamente su Rolling Stone US


EFFIS 2019: statistiche, cause e strategie di prevenzione degli incendi forestali in Italia

Il Joint Research Centre (JRC) ha pubblicato -nel novembre del 2020- il 20° rapporto annuale del Sistema Europeo di Informazione sugli Incendi Boschivi (EFFIS). Il documento fornisce informazioni sull’evoluzione del pericolo di incendio nelle Regioni europee e mediterranee, i danni causati dal fuoco e una descrizione dettagliata delle condizioni del fuoco durante la campagna 2019 nella maggior parte dei paesi che fanno parte della rete EFFIS. Questo post vuole essere una sintesi di quanto riportato nel rapporto con particolare riferimento alla situazione italiana.

Indice di pericolo e stato degli incendi nel 2019 in Italia

Per l’Italia, il Fire Weather Index (FWI) o indice del pericolo di incendio è stato leggermente inferiore alla media e corrispondente al 68% del FWI del 2007. Sia il numero di incendi che gli ettari percorsi sono stati maggiori rispetto a quelli dell’anno precedente. Nel periodo invernale, la maggiore incidenza ha interessato le Regioni settentrionali e la Toscana soprattutto a causa di: numerose giornate caratterizzate da forte vento proveniente da nord, alte temperature e scarse piogge. Le regioni più colpite sono state Lombardia, Liguria e Toscana. Nel mese di marzo, la regione più colpita è stata il Piemonte soprattutto a causa dei forti venti e della siccità prolungata che, combinati con le elevate pendenze tipiche dei rilievi alpini, hanno favorito la diffusione degli incendi e fortemente ostacolato le operazioni di estinzione. Dal mese di maggio le regioni maggiormente colpite, sia in termini di frequenza che di superficie percorsa sono state la Sicilia e la Calabria questo è stato un avvenimento importante in quanto ha significato anticipare in queste regioni la campagna estiva che fino agli anni precedenti si ripeteva in modo abbastanza regolare. A livello nazionale, le aree più colpite sono state le zone di macchia mediterranea situate sulle colline dell’Italia centro-meridionale. Si tratta di aree boscate a prevalenza di leccio e degradate soprattutto a causa di ripetuti incendi e dell’eccessivo pascolamento in aree non adatte alla selvicoltura per fini prettamente produttivi o all’agricoltura estensiva.

Cause degli incendi e punti di innesco

Il 57% degli incendi sono stati causati dall’azione umana. Le altre cause (14%) sono riconducibili per lo più alle pratiche agricole e/o forestali. Circa il 2% degli incendi sono dovuti a cause naturali. Per il restante 27% non è stato possibile individuare una causa certa. Il 41% dei punti di innesco, negli incendi boschivi, sono localizzati all’interno delle foreste. Il 14% degli incendi si innesca in aree coltivate e sottoposte al pascolo. Il 19% dei punti di innesco si trova in aree non coltivate. Il 24% degli inneschi è localizzato nelle vicinanze di reti stradali. Per il restante 2% si tratta di cause non definite e denominate come “altre cause”.

Attività di prevenzione e campagne informative

EFFIS evidenzia alcune importanti iniziative promosse e sviluppate nel 2019 sul tema della prevenzione tra cui un’iniziativa organizzata dalla Regione Toscana in collaborazione con SISEF: un workshop organizzato nell’ambito del progetto PREVAIL che ha visto la partecipazione di oltre 100 partecipanti tra gestori, proprietari e ricercatori di tutta Italia i risultati sono stati pubblicati all’interno di un numero speciale della rivista Sherwood Foreste e Alberi Oggi dedicato alla prevenzione degli incendi boschivi.

Cambiamento climatico

Il 2019, per l’Italia, è stato il terzo anno più caldo degli ultimi 60 anni dopo il 2018 e il 2015. La temperatura media è aumentata di 1.56°C rispetto ai valori climatici di riferimento del periodo 1961-1990. In particolare, i 3 mesi estivi hanno registrato una temperatura media maggiore di 2.88°C rispetto ai valori climatici degli stessi mesi del periodo di riferimento. Il report evidenzia inoltre e conferma il trend degli ultimi anni che hanno visto 8 degli anni più caldi dal 1961 all’ultimo decennio. Per quanto riguarda le piogge, anche se sono aumentate del 12%, con un’alternanza di mesi piovosi e mesi siccitosi, non sono mancati casi estremi come in Sicilia e Sardegna dove si sono verificati 100 giorni consecutivi senza precipitazioni significative. Marzo è stato un mese critico nelle regioni di Nord-Ovest caratterizzate da piogge inferiori del 60% rispetto alla media del periodo. I mesi di settembre e ottobre sono stati i più critici nelle regioni centrali con una diminuzione delle precipitazioni pari al 50% che, insieme alle alte temperature, rende le condizioni meteorologiche favorevoli al verificarsi di eventi significativi come i grandi incendi. A causa dei forti venti, durante l’inverno si è verificato un gran numero di incendi e vaste superfici sono state percorse dal fuoco soprattutto nelle regioni di Nord-Ovest e in Toscana.

Un aspetto interessante evidenziato nel report è che le aree agricole marginali o abbandonate sono in aumento, determinando aree più adatte al passaggio del fuoco. Per queste ragioni, gli effetti protettivi delle aree coltivate stanno diminuendo in alcuni casi, al contrario, queste aree possono diventare un veicolo di diffusione più veloce. Nel 2019 si sono verificati più di 60.600 incendi nelle zone rurali.

Strategie di adattamento e pianificazione:

Il report descrive anche la Strategia Forestale Nazionale (SFN) descrivendo le azioni specifiche rivolte non soltanto all’aumento o al miglioramento dell’adattamento delle foreste ai cambiamenti climatici ma anche favorire interventi di gestione forestale su larga scala per la prevenzione agli incendi boschivi e gli eventi naturali estremi. In particolare, la SFN vuole aumentare la prevenzione attraverso misure di pianificazione integrata di pratiche agro-silvo-pastorali attraverso una gestione strategica del combustibile a supporto della lotta agli incendi. Questa strategia consentirà di integrare nella gestione ordinaria delle zone rurali, le azioni rivolte alla riduzione del rischio di innesco e di propagazione riducendo la frequenza e l’intensità degli incendi, facilitando gli interventi operativi di lotta attiva. La SFN inoltre pone in risalto il ruolo strategico del coordinamento istituzionale e delle competenze regionali.

Attività di ricerca rivolte al miglioramento della gestione del fuoco

Nel report sono riportati alcuni progetti e programmi di ricerca a supporto della gestione degli incendi boschivi: 1. il progetto europeo H2020 PREVAIL che analizza l’uso dei programmi di sviluppo rurale per la prevenzione agli incendi boschivi e le buone pratiche per ottimizzare le risorse e ridurre i costi di prevenzione nei Paesi del Mediterraneo 2. il progetto Italian Tree Walker Network finanziato dal MIUR con il programma PRIN ((Progetti di ricerca di Rilevante Interesse Nazionale) che studia e analizza le risposte fisiologiche arboree in real time nel comprensorio del Parco Nazionale del Vesuvio 3. il progetto FORMA che ha condotto rilievi aerei con laser scanner per valutare le risorse forestali pugliesi a supporto dello sviluppo di mappe di modelli di combustibile regionali.

Il report, infine, riporta una serie riferimenti a pubblicazioni scientifiche prodotte nell’anno 2019 e per cui si rimanda al link dove poter scaricare l’intero documento.

Per concludere, il report conferma il ruolo fondamentale che i cambiamenti climatici giocano sulla frequenza e sull’intensità degli incendi, aumentati in numero e in superficie, rispetto all’anno precedente. L’Italia sta sviluppando una strategia nazionale mirata soprattutto alla prevenzione ma anche alla pianificazione integrata delle attività agro-silvo-pastorali. La ricerca, quindi, non si ferma e porta avanti una serie di attività e di progetti mirati al miglioramento delle tecniche di gestione che possano in futuro portare a una sempre maggiore consapevolezza degli eventi per riuscire a pianificare la gestione sull’ottica della prevenzione ma anche della capacità di estinzione degli incendi.


Gli incendi in numeri: cause e conseguenze di un paese che brucia

Il bosco non è solo un bosco

Prima di iniziare a percorrere il tortuoso sentiero che ci aiuterà a conoscere un po’ meglio una tra le principali minacce ai nostri ambienti naturali, è importante chiarire che per “bosco”, il nostro ordinamento e i piani applicativi che ad esso si riferiscono, intende “tutti i terreni coperti da vegetazione forestale arborea associata o meno a quella arbustiva di origine naturale o artificiale, in qualsiasi stadio di sviluppo, i castagneti, le sugherete e la macchia mediterranea…”

Partendo da questa definizione, più di un terzo della penisola può essere considerata ricoperta di verde: ben 10.467.522 ettari, pari al 34,7% della superficie nazionale. Tra i distretti territoriali, l’Alto Adige, il Trentino, il Friuli Venezia Giulia, la Liguria, la Toscana, l’Umbria, l’Abruzzo, la Calabria e la Sardegna hanno un coefficiente di boscosità sensibilmente superiore a quello nazionale. I boschi propriamente detti, invece, con una estensione stimata pari a 8.759.200 ha, coprono il 29.1% dell’intero territorio nazionale e le regioni più densamente boscate sono la Liguria e il Trentino che, con un grado di copertura percentuale rispettivamente di 62.6 e 60.5%, costituiscono gli unici ambiti amministrativi in cui il bosco copre più della metà del territorio. La maggior parte dei boschi in Italia ha avuto origine attraverso processi seminaturali (69.2%), ossia in seguito ad attività selvicolturali e la maggiore percentuale di boschi con origine naturale si evidenzia in Sicilia (36.6%), in Abruzzo (32.3%), in Valle d’Aosta (32.0%) e in Puglia (31.9%).

Il valore dei boschi

I boschi, in quanto tali, oltre alle produzioni legnose, facilmente monetizzabili, forniscono, servizi senza prezzo alla comunità (come la capacità di mitigare il clima e proteggere il terreno dalla perdita di suolo) da tutti riconosciute e usufruibili anche dai non proprietari. Tali benefici indiretti prodotti dal bosco, come unità ecosistemica, sono strettamente legati alle funzioni vitali espletate dai boschi e sono di insostituibile necessità per la vita dell’uomo, per la sua sicurezza, contro il pericolo di frane e di improvvise piene e soprattutto per mantenere l’equilibrio del pianeta.

Per tali ragioni il bosco va preservato dal diffuso disboscamento. I terreni strappati alla foresta equatoriale e divenuti poi aridi o desertici sono aumentati in questo secolo del 140%, passando da 12 milioni a 28 milioni di chilometri quadrati. Il ritmo degli abbattimenti è aumentato nel tempo ad una velocità di 30 ettari al minuto, il che vuol dire la distruzione di 160.000 chilometri quadrati l’anno. Secondo stime recenti, negli ultimi 100 anni nel mondo sono stati distrutti oltre 22 milioni di chilometri quadrati di foresta, quasi il 40% dell’intero patrimonio verde. In Europa restano circa 140 milioni di ettari di boschi.

Principali cause di danneggiamento dei boschi: gli incendi

Una parte considerevole dei danni alle formazioni boschive è oggi riconducibile ad andamenti climatici insoliti come gelate tardive, estati estremamente secche o grandinate violente. Il “fattore clima” ha acquisito sempre maggiore importanza negli ultimi tempi per l’aumentata frequenza di questi eventi.

Nonostante i cambiamenti climatici contribuiscano a indebolire i sistemi boschivi, quasi il 70% dei boschi italiani non presenta danni da patologie evidenti, segno che gli agenti patogeni o la pressione della selvaggina, generalmente considerati fattori di rischio, hanno ancora un’influenza moderata sulla salute degli alberi.

Capitolo a parte va dedicato agli incendi che nel nostro paese, anche a causa di condizioni climatiche sempre più estreme e dell’incuria delle persone, mandano letteralmente in fumo ogni anno centinaia di ettari di terreno boscato.

Gli incendi non sono tutti uguali

Il fuoco può interessare tutti gli strati del bosco, o solo uno di essi. In base allo strato interessato si distinguono diversi tipi di incendio.

Gli incendi sotterranei si propagano consumando il materiale organico presente nella lettiera. Dal punto di vista ecologico possono avere conseguenze estremamente gravi, perché in grado di danneggiare l’apparato radicale delle piante. Spesso non è visibile la fiamma ma è solo il fumo a testimoniare la presenza di un incendio. Sono necessari diversi giorni per assicurarsi che non vi siano nuovi focolai di contro la velocità di propagazione è bassa con una media di 7 cm/h.

Gli incendi radenti bruciano la lettiera, i cespugli, l’erba i prati e i pascoli (generalmente al di sotto dei due metri di altezza). Spesso un incendio boschivo inizia con questa forma. A seconda della tipologia e quantità di combustibile a disposizione gli incendi radenti possono variare molto in intensità e velocità a grandi linee si può affermare che un incendio radente di lettiera si propaga più lentamente e con minore intensità rispetto ad un incendio di strato erbaceo o arbustivo. In presenza di questo ultimo l’attenzione deve essere massima perché potrebbe facilmente evolvere in un incendio di chioma.

In questo caso il fuoco interessa lo strato superiore del bosco. Gli incendi di chioma possono essere passivi, attivi ed indipendenti. Negli incendi di chioma passivi, l’incendio si alimenta da quello radente sottostante e avanza come unico fronte negli incendi di chioma attivi e indipendenti, invece, l’energia necessaria ad alimentare la fiamma viene dalla combustione delle chiome stesse ed è caratterizzato da un’elevata velocità di propagazione e da un’altezza significativa delle fiamme. Sono questi gli incendi più preoccupanti perché capaci di saltare anche barriere naturali e distruggere aree estese in pochissimo tempo.

Gli incendi in Italia

Solo nell’ultimo decennio si sono osservati in Italia circa 7200 incendi all’anno, con una superficie di 80.000 ettari.

Dal 1970 al 2009 gli incendi forestali hanno presentato un andamento variabile con anni di forte incremento, sia nel numero che nella superficie interessata, e anni caratterizzati da un contenimento degli incendi. Il decennio più critico è stato quello degli anni Ottanta, quando si è registrato il numero di incendi più elevato in un anno (18.664 nel 1985), la maggiore superficie forestale percorsa dal fuoco (229.850 ettari nel 1981) e la maggiore superficie forestale media per incendio (26,7 ettari nel 1983). Per la superficie boscata in senso stretto il decennio più critico è stato il 1990-99, con il picco di 116.378 ettari incendiati nel 1993.

Nell’ultimo decennio si è verificata una riduzione sia nel numero di incendi che nella superficie interessata: nel periodo 2000-2009, infatti, la superficie boscata incendiata è stata pari a quasi 40.000 ettari l’anno, contro i 50.000 ettari degli anni Settanta, i 53.000 ettari degli anni Ottanta, i 55.000 ettari degli anni Novanta. La superficie forestale incendiata mostra, nel complesso, un andamento simile: la dimensione media della superficie forestale interessata da incendi tende a ridursi progressivamente nel tempo, passando da 13,5 ha per incendio negli anni Settanta a 11,6 ha nell’ultimo decennio. A causa delle anomale condizioni climatiche gli anni 2003 e 2007 sono caratterizzati da un numero di roghi al di sopra della media. Infine, nel 2007 gli incendi hanno assunto vaste proporzioni raggiungendo una media di oltre 21 ha a incendio.

Confrontando il numero di incendi con la quantità di precipitazioni e la temperatura la correlazione non è tale da giustificare le evidenti differenze nel numero d incendi riscontrate di anno in anno. Tutto ciò non fa altro che avvalorare l’ipotesi che, sulla probabilità che un incendio avvenga e sull’estensione della superficie incendiata, influiscano numerosi altri fattori, principalmente quelli di origine antropica. Nella maggioranza dei casi, infatti, gli incendi sono causati da incuria, semplicemente gettando una cicca di sigaretta accesa su un prato o, ancor peggio, sono appiccati volontariamente.

Gli incendi in Europa

In ambito europeo il più importante strumento per la conoscenza degli incendi boschivi è rappresentato dall’EFFIS, il sistema di informazione europeo sugli incendi boschivi. Il sistema EFFIS consiste di un’infrastruttura scientifica e tecnica gestita su di una piattaforma informatica, che si avvale anche della consulenza di una rete di esperti nazionali sugli incendi boschivi che si incontrano regolarmente con i servizi della Commissione europea.

Nel 2009 gli incendi registrati nei 5 Paesi mediterranei dell’Unione europea hanno percorso un’area totale di 323.896 ettari che, pur rappresentando quasi il doppio rispetto alla superficie bruciata nel 2008, risulta tuttavia al di sotto della media degli ultimi 30 anni. Anche il numero di incendi globalmente registrato nel 2009, pari a 52.795, è leggermente inferiore alla media degli ultimi due decenni.

Dal momento che l’area di ogni Paese, sia totale che boscata, è molto differente, e che considerevolmente diversa risulta anche l’area esposta a rischio di incendio, un paragone diretto ed assoluto tra tali Paesi non può essere effettuato.

Chi difende i nostri boschi dagli incendi?

La “legge quadro in materia di incendi boschivi”(L.353/2000) individua nelle regioni l’organismo responsabile di tutte le attività di previsione, prevenzione e lotta agli incendi attraverso l’attuazione di un piano operativo mentre, lo Stato, ha il compito di organizzare tali attività.

In particolare, al DPC (Dipartimento della Protezione Civile), attraverso il COAU (Centro Operativo Aereo Unificato), è affidato il coordinamento dei mezzi della flotta aerea antincendio dello Stato resi disponibili dal Corpo Forestale dello Stato, dall’Aeronautica Militare, dall’Esercito, dai Vigili del Fuoco e dalla Marina Militare.

Alle regioni compete l’attivazione delle sale operative per consentire la cooperazione dei diversi soggetti che concorrono alla lotta agli incendi e, nel caso, all’intervento della protezione civile.

Ogni regione attiva, quindi un programma che ha l’unico compito di ridurre ogni anno le superfici percorse da fuoco. Perché ciò sia possibile sono definiti accordi specifici con il Corpo Forestale dello Stato, i Vigili del Fuoco, nonché con le associazioni di volontariato.

L’attività di previsione consiste nell’individuare le aree ed i periodi a maggior rischio di incendio boschivo sono effettuate dal Dipartimento di Protezione Civile e dalle regioni attraverso i centri funzionali. Le attività di previsione vengono messe in campo dal DPC e dalle regioni attraverso la rete dei centri funzionali. Il CFC (Centro Funzionale Centrale) e il Servizio Rischio Incendi Boschivi e di Interfaccia emettono giornalmente un bollettino di suscettività all’innesco degli incendi boschivi su tutto il territorio nazionale, individuando tre livelli di pericolosità (bassa – media – alta).

L’attività di prevenzione è necessaria, invece, per ridurre le cause ed il potenziale innesco di un incendio. Le azioni possono essere preventive, destinate al bosco, come la manutenzione, la pulizia e la rimozione della necromassa, oppure destinate all’uomo. Visto che la maggioranza degli eventi è causata da un cattivo comportamento umano, l’azione preventiva deve riguardare sia il controllo delle attività umane in prossimità di una formazione boschiva, sia una comunicazione capillare per informare, sensibilizzare e educare i cittadini ad osservare il giusto comportamento.

Quando la prevenzione non basta: la lotta attiva agli incendi boschivi (AIB)

Quando parliamo di lotta attiva ci riferiamo a tutti quegli interventi da compiere quando un incendio è in atto. L’Organizzazione AIB delle varie regioni coinvolge diverse strutture locali e prevede la collaborazione ed il supporto di organismi statali. Le Regioni organizzano l’attività antincendio attraverso il piano regionale ed assicurano il coordinamento delle proprie strutture con quelle statali attraverso le SOUP (Sale Operative Unificate Permanenti).

Un’altra struttura di coordinamento che opera contemporaneamente alle SOUP è il COAU (Centro Operativo Aereo Unificato), gestito dal Dipartimento della Protezione Civile, che garantisce e coordina sul territorio nazionale le attività aeree di spegnimento con la flotta aerea antincendio dello Stato, sia in ambito nazionale che internazionale.

Le componenti terrestri sono invece quelle strutture che provvedono alla vigilanza ed al controllo del territorio, all’avvistamento e alla repressione. Sono principalmente costituite da operai forestali degli Enti competenti, da operai dei Comuni, dagli operatori delle associazioni di volontariato convenzionate.

Durante la stagione ad alto rischio di incendio (15 giugno-15 settembre) vengono organizzati sul territorio servizi di avvistamento attraverso pattugliamento, vedette poste su torrette o punti panoramici e sistemi di telecontrollo. Le eventuali segnalazioni, in caso di avvistamento di fumo, vengono fatte direttamente alla squadra operativa che provvederà poi ad allertare le strutture preposte alla verifica ed allo spegnimento.

In caso di incendio le prime ad intervenire sono le squadre di terra AIB coordinate dalle Regioni e composte da personale regionale. Oppure, sulla base di specifici accordi di programma indicati nei piani regionali, da personale del Corpo Forestale dello Stato, del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, delle Forze Armate, delle Forze di Polizia dello Stato e dai volontari antincendio boschivo.

La legge italiana a tutela dei boschi dagli incendi

La norma riguardante gli incendi è articolata su un livello penale e uno amministrativo e, oltre alla già citata legge quadro in materia di incendi boschivi, testi di riferimento sono anche il codice penale, la legge forestale del 1923, il Testo Unico delle leggi di pubblica sicurezza e la legge istitutiva del Ministero dell’Ambiente.

Con l’entrata in vigore della prima, però, si è stati testimoni di una svolta fondamentale sul fronte della repressione degli incendi boschivi. Per la prima volta nel testo si dà la definizione di incendio boschivo come (art. 2): “fuoco con suscettività ad espandersi su aree boscate, cespugliate o arborate, comprese eventuali strutture e infrastrutture antropizzate poste all’interno delle predette aree, oppure su terreni coltivati o incolti e pascoli limitrofi a dette aree.”.

Tra i nuovi divieti e le prescrizioni introdotte si segnalano quelle contenute nell’art. 10 che prevede che le zone boscate ed i pascoli i cui soprassuoli siano stati percorsi dal fuoco non possano avere una destinazione diversa da quella preesistente all’incendio per almeno 15 anni sono vietati inoltre per 5 anni sugli stessi soprassuoli le attività di rimboschimento e di ingegneria ambientale o ancora, sono vietati per 10 anni, limitatamente ai soprassuoli delle zone percorse dal fuoco, anche l’esercizio delle attività pastorizie e venatorie.

Viene inoltre vietata, nei periodi a rischio, ogni azione che potrebbe anche solo potenzialmente provocare l’innesco di un incendio. Le sanzioni per chi trasgredisce alle indicazioni riportate nella legge quadro sono raddoppiate se l’autore dell’illecito appartenga al CNVVF, al CFS, alle FFAA, alle altre Forze di polizia dello Stato, al Servizio forestale regionale, al Servizio regionale di protezione civile, ad una organizzazione di volontariato impegnata nelle attività di antincendi boschivi.

Il reato di incendio boschivo, considerato delitto contro l’incolumità pubblica, viene enunciato nell’art. 423 bis del codice penale. Ai sensi dell’art. 423 bis c.p., chiunque cagiona dolosamente un incendio su boschi, selve e foreste o vivai forestali destinati al rimboschimento, propri od altrui è punito con la reclusione da 4 a 10 anni. Se l’incendio boschivo è invece cagionato per colpa, la pena prevista è la reclusione da 1 a 5 anni. È inoltre prevista la reclusione da 6 a 15 anni se dall’incendio deriva un danno grave, esteso e persistente all’ambiente.

Il reato è doloso quando è preveduto e voluto dall’autore come conseguenza della propria azione od omissione. Esempio classico è il caso di chi, intenzionalmente, accende dei fuochi in un’area boschiva utilizzando taniche di benzina e fiammiferi. Il reato è invece colposo quando l’evento, anche se preveduto, non è voluto e si verifica a causa di negligenza o imprudenza o imperizia come nel caso del mozzicone di sigaretta accesa e gettato nel bosco o del proprietario di un fondo che deposita materiale infiammabile senza protezione nelle vicinanze di un bosco.

Le Prescrizioni di Massima e di Polizia Forestale (P.M.P.F.) contenute nella Legge forestale riguardano, invece, la prevenzione e la repressione degli incendi boschivi. In particolare, vietano di accendere fuochi all’aperto nei boschi o a distanza inferiore a 100 metri anche il Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza (T.U.L.P.S.) – R.D. n. 773/193 si occupa di incendi boschivi. In particolare, l’art. 59 vieta di dar fuoco nei campi e nei boschi alle stoppie fuori del tempo o senza le condizioni stabilite dai regolamenti locali e ad una distanza inferiore a quella in essi determinata. In caso di incendio boschivo si applicano anche le disposizioni contenute nell’art. 18 della legge n. 349/1986 di Istituzione del Ministero dell’Ambiente in particolare, nella sezione delle norme in materia di danno ambientale , è contemplato un risarcimento del danno, alla cui determinazione concorrono l’ammontare delle spese sostenute per la lotta attiva e la stima dei danni al soprassuolo ed al suolo.

Attività investigativa del CFS sugli incendi boschivi

Il Corpo forestale dello Stato, a seguito della legge 21 novembre 2000, n. 353ha dato impulso all’organizzazione, centrale e dei Comandi territoriali, in tema di attività di prevenzione e repressione dei crimini incendiari. Il Nucleo Investigativo Antincendi Boschivi (NIAB) svolge funzione di coordinamento ed indirizzo delle attività info-investigative e di analisi in tema di incendi boschivi e fornisce supporto operativo, investigativo e logistico agli Uffici territoriali del Corpo forestale dello Stato.

Complessivamente le attività contro i crimini di incendio boschivo effettuate dai Comandi territoriali del Corpo forestale dello Stato, hanno consentito di segnalare all’Autorità Giudiziaria, nell’anno 2010, 253 persone, di cui 219 per incendi colposi e 34 per incendi dolosi. Di queste ultime, 9 sono state tratte in arresto in flagranza di reato o sottoposte a misure di custodia cautelare.

Identikit di un incendiario

Relativamente agli incendi dolosi si è proceduto ad un’analisi degli arresti e delle custodie cautelari eseguiti, effettuati nel periodo 2000–2010 ed è emerso che più del 37% degli arresti sono legati ad attività illecite collegate a finalità agricole e di pastorizia. Poco meno del 30% dei fermati soffre di un disturbo o disagio personale con impulsi distruttivi (classici esempi di “piromania”) e un preoccupante 9% appartiene ai corpi addetti alle attività di spegnimento per l’ottenimento di vantaggi diretti o per accrescere il proprio ruolo.

Purtroppo non sono nuovi per la cronaca casi di vigili del fuoco ausiliari che, per accrescere il numero delle ore di servizio, e quindi la relativa retribuzione, non esitano ad appiccare volontariamente degli incendi.

L’attività dolosa di coloro che la natura dovrebbero proteggerla avviene proprio nella fase più critica in cui le condizioni di estrema aridità permettono una rapida e devastante dispersione delle fiamme.

Bibliografia:

  • Legge 21 Novembre del 200, n. 353. “Legge quadro in materia di incendi boschivi”.
  • AA.VV., 2010. Incendi boschivi. Corpo Forestale dello Stato, 120 pg.
  • AA.VV., 2008. Programma quadro per il settore forestale, 130 pg.
  • Abbate C., Salvati L., 2010. Pressione degli incendi sull’ambiente. Istituto nazionale di statistica, 6 pg.
  • Cerefolini A., 2005. Il sistema sanzionatorio in materia di incendi boschivi. Silvae,I-1, pg. 280-297.
  • Corrado G.,2005. La proprietà forestale. Silvae,I-3, pg. 175-205.

Related posts:

About The Author

Barbara Dalla Bona

Sono nata nel Gennaio del 1981, nel cuore della fredda pianura pontina, con sangue veneto e occhi siciliani. Da bambina Latina e' tutto il mio mondo, da esplorare e conquistare con una bici e un po' di fantasia ma, nell'adolescenza, la provincia si fa stretta. Inizio a viaggiare e mi conquista una Londra dinamica e multiculturale. All'universita' mi trasferisco a Roma frequento la facolta' di Scienze Naturali e rimango affascinata, piu' di quanto non lo fossi gia', dalla magia nascosta in ogni fenomeno naturale. La mia voglia di conoscere il mondo, pero', e' irrefrenabile. Viaggio per Africa, India e America centrale finche' non decido di frequentare un anno accademico a Valencia, in Spagna. Dopo la mia laurea collaboro con il Centro di Ricerca Interuniversitario sulla Biodiversita' nel frattempo vinco una borsa di studio post lauream per svolgere un progetto di ricerca sull'ecologia delle specie vegetali esotiche in una prestigiosa universita' californiana. E' li' che, per la prima volta, sento la nostalgia della mia pianura con i suoi laghi e le sue spiagge. Al ritorno da quella esperienza fantastica mi butto a capofitto in un progetto di educazione e interpretazione ambientale nel territorio del Parco Nazionale del Circeo progetto in corso ed evoluzione gia' da un paio d'anni ma che da quel momento diventa la mia attivita' principale. La voglia di conoscere il mondo e il piacere di comunicarlo sono le due forze che alternativamente o spesso in congiunzione determinano ancora la rotta della mia vita.


Monte Pisano pronto alla rinascita con la “Comunità del bosco”

Nuova vita dopo l’incendio del 2018 che ha devastato gran parte del Monte Pisano, ecco il racconto degli interventi di salvaguardia, gli studi dell’Università e la nascita della realtà.


Le Cause degli Incendi Boschivi Mediterranei

Pubblichiamo questa interessante analisi elaborata da Serena Giacomin e pubblicata sulla sua Pagina Facebook, consultabile direttamente dal link in calce.

Mettiamo subito in chiaro una cosa: il 95% degli incendi che hanno luogo in area mediterranea sono causati dall’uomo e oltre la metà sono di natura dolosa. Detto questo, i fattori di base che influenzano il comportamento degli incendi boschivi sono i combustibili vegetali, le condizioni meteorologiche e le caratteristiche geomorfologiche del territorio.

Combustibili Vegetali

Per quanto riguarda i combustibili vegetali l’ingrediente più importante per la loro combustione è il contenuto di acqua, determinato dalle precipitazioni, dal vento, dalla temperatura e dall’umidità atmosferica. Quando questo valore è maggiore del 25% circa, l’accensione dell’incendio è resa possibile solo con un consistente contributo esterno di calore.

Le Precipitazioni

Riguardo alle precipitazioni il valore che interessa non è tanto la quantità, ma la loro distribuzione nel tempo infatti e nei periodi di prolungata siccità si generano le condizioni ideali per l’innesco di un incendio.

Il Vento

The vento ricopre un ruolo fondamentale perché è in grado di trasportare grandi quantità d’aria per la combustione, essicca i combustibili vegetali ottimizzando l’evaporazione, sparge i tizzoni anche a grande distanza e soprattutto determina la direzione, la forma e la velocità di propagazione delle fiamme.

Temperature e Umidità

Anche le elevate temperature essiccano i corpi vegetali e li riscaldano, facilitando cosi il raggiungimento della temperatura di accensione. L'umidità atmosferica agisce direttamente sul contenuto d’acqua dei combustibili, principalmente di quelli morti.

Analizzando gli aspetti del territorio, influisce la quota per la diversa vegetazione, per la differenza di temperatura e di precipitazioni. In genere la predisposizione al verificarsi di incendi boschivi diminuisce con l’aumentare della quota, soprattutto in quelle zone in cui nevica durante l’inverno.

La pendenza di un versante determina il formarsi di un angolo tra la superficie e i raggi del sole. Tanto più questo angolo sarà prossimo ai 90° (angolo retto), tanto maggiore sarà l’effetto dei raggi solari sul suolo. Tale angolo varia anche con la latitudine, la stagione e l’ora del giorno.

Anche l’esposizione influisce: il versante si scalderà maggiormente quanto più numerose saranno le ore di esposizione al sole esso sarà tanto meno umido quanto più sarà esposto ai venti ed alle brezze. Anche la vegetazione cambia: si troveranno specie più verdi e quindi meno combustibili sui versanti con minor esposizione solare, piuttosto che nei versanti con maggiore esposizione.

Infine, quanto incidono i cambiamenti climatici su questi fenomeni?

Puntiamo l’attenzione sull’aumento delle ondate di calore, siccità, stress idrici prolungati per assenza di precipitazioni (pioggia e neve): questo significa che aumenterà il numero delle giornate in cui la vegetazione, a causa di ondate di calore e stress idrico dovuto a diminuzione di precipitazioni, sarà in condizioni tali da favorire gli incendi. In sostanza la tendenza seguita a causa del cambiamento climatico ci anticipa un futuro in cui la stagione degli incendi sarà prolungata.

Futuro difficile non solo per effetto dei cambiamenti climatici, ma anche per i cambiamenti di uso di suolo, come l’abbandono delle campagne e l’espansione delle aree urbane, per cui la stagione degli incendi è destinata a diventare ancora più scottante.


Video: Forest fires in India - Causes, Areas affected and fire disaster management - Current affairs 2018


Previous Article

Lobelia

Next Article

How To Transplant Spirea Bushes: Learn When To Move Spirea Bushes